Non Possumus (Per ‘n’ofèrta dè ‘na carica a Roma)

Lassém èl mé Dòm növ, èl mé Dòm vècc,
èl Pégol e la Lòza e la Palada,
èl bèl e ‘l bröt, le piazze e i vicolècc
dè la mé Brèssa sgrèza ma unurada;

lassém èl mé Castèl e i sò boschècc
pèr fàga töcc i dé ‘na spassezada
e töcc i dé ‘na quac scarabociada
sö le glorie dè Brèssa e i sò difècc;

lassém sbarcà ché a Brèssa ‘l mé lönare,
chè a mé mè basta sté sodisfaziù,
senza crus, senza cariche e salare.

Lassém fà ‘n santa pas èl mé mestér;
lassém cói mé Bressà e la mé ambiziù
d’ésser gna Comm, gna Uff, gna Cavaliér.

(Angelo Canossi, maggio 1905)

 

Non so se ha ragione Canossi o se ha ragione il signor Mario, el me Ostér, quando dice che “Brescia la si ama solo da lontano”. Vedremo.

Potrebbero interessarti:

Questa voce è stata pubblicata in Brescia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Non Possumus (Per ‘n’ofèrta dè ‘na carica a Roma)

  1. Dani scrive:

    Io quando ero vicino l’amavo, ma ora che sono lontano molto di più.
    Tas

  2. Sir Action scrive:

    A me sembra che a te piaccia anche da vicino.
    E piace da vicino anche a me.

  3. Ramperto scrive:

    Pota certo, per me sicuramente è così (anche se ogni tanto ho bisogno di andar via per vedere le cose da lontano). Quello che dice el me ostér è forse riferito più ai bresciani di adesso che a Brescia stessa… e in fondo è un voler vedere solo le cose belle e lasciare lontane quelle brutte. :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.