Le “case a schiera” di vicolo Lungo

Dopo l’articolo sulla nascita di Piazza Tebaldo Brusato ci ho un po’ preso gusto a fotografare i muri della Brescia Antica e sono finito in Vicolo Lungo a fare questo altrettanto lungo collage fotografico (si chiamerebbe ortofoto, ma evito per rispetto ai professionisti):

Il muro di cinta sul lato meridionale di Vicolo Lungo.

 

Vicolo Lungo collega vicolo San Clemente con la piazza del Foro, superando un discreto dislivello dovuto a secoli di detriti che sono scesi dal Cidneo a ricoprire templi, colonne e ricordi del passato. Questo lento e inesorabile seppellire non è certo terminato una volta nascoste le vestigia dell’Impero: di per sé sarebbe un processo continuo, ma è chiaro che il colluvio riesce a sedimentare dove e quando non c’è manutenzione, come ad esempio nei primi secoli del Medioevo, quando non c’era più nessuno che potesse (e sapesse) aggiustare strade e fognature. Le vicissitudini delle strade cittadine però continuano sempre, anche in epoche più moderne: un vicolo isolato e chiuso si ricopre presto di erbacce – guardate certi vicoli “privatizzati” da cancelli dalle parti del Carmine, completamente ricoperti di parietaria -, vi si accumulano terra, rifiuti e macerie e ben presto le porte in disuso dei piani terra si “abbassano” sempre più. Poi la città cresce e si evolve, le case crollano o vengono abbattute e le pareti rimaste in piedi vengono riutilizzate per costruire nuovi edifici o per chiudere broli e giardini.

È questo il caso della parete nella foto. Si tratta di un muro di cinta che va dalla Casa del Moretto in Vicolo San Clemente fino all’edificio posto tra i resti del Foro e Casa Palazzi, coprendo la quasi totalità della lunghezza del vicolo. Nel muro sono presenti numerose porte ad arco e finestre ormai tamponate, testimoni di quella rinascita urbanistica che coinvolse Brescia tra l’XI e il XIII Secolo. Con un po’ di immaginazione vi si possono chiaramente distinguere le facciate di quelle che erano abitazioni dei ceti popolari, una sorta di “casette a schiera” ante-litteram. Rimando all’articolo su Piazza Tebaldo Brusato per ulteriori informazioni.

Per saperne di più:

Cortelletti, M., Cervigni, L., 2000. Edilizia residenziale a Brescia tra XI e XIV secolo. in Archeologia dell’Architettura, (V, 2000). Supplemento a «Archeologia Medievale», XXVI, pp. 87-100.

Andenna, G., Rossi, M. (a cura di), 2002. Società bresciana e sviluppi del romanico (XI-XIII secolo). Atti del convegno di Studi. V&P, Brescia.

Questa voce è stata pubblicata in Brescia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.